Avere trent’anni

Questa condizione dei trent’anni non è ancora del tutto chiara. Né per me, che li ho da relativamente poco, né per i trentenni in generale. E se c’è qualcosa di meno chiaro che avere trent’anni oggi, con i nostri lavori precari, le nostre speranze spesso mal riposte e le nostre classi medie che una volta […]

Continua a leggere "Avere trent’anni"

City of girls

Ho una confessione da fare: non ho ancora letto Amori e disamori di Nathaniel P. (Einaudi, 2015 tradotto da Vincenzo Latronico) di Adelle Waldman e in genere nutro un leggero pregiudizio — involontario ma alimentato in parte dall’esperienza che come tale si fregia di notevoli eccezioni — verso i romanzi scritti da donne. Non in […]

Continua a leggere "City of girls"

Storia della famiglia Singer

Ci sono storie che somigliano ai blocchi di marmo del tempio grande di Varsavia. Mastodontiche e stabili solo nei ricordi, in realtà sgretolate. Triturate e rase al suolo dal corso degli eventi. Sono storie che cominciano da qualche parte oltre il confine polacco all’epoca dello Zar, in uno Stetl di poche case fragili, costruite sulla […]

Continua a leggere "Storia della famiglia Singer"

Mai un momento di noia

Velluto a coste, lo sguardo di un malinconico che medita furbizia, travestiti, pulsioni sessuali deviate e un cappello da strillone di due secoli fa. È qualcosa che si adatta bene al giallo/rosso/marrone di Brooklyn in autunno, ma anche all’inverno senza foglie e senza neve del midwest. È qualcosa che ha l’aria di venire dal basso […]

Continua a leggere "Mai un momento di noia"

Il rinascimento dell’indipendenza

Alla voce “persone perfettamente adattate al proprio ambiente” ci metterei Emily Gould e Brooklyn. Non tutta Brooklyn, ma quella fetta trentenne, spiantata e bianca, in via di riappacificazione con se stessa e di correzione delle lacune sociali che la hanno relegata a “poco etnicamente interessante” per troppo tempo, ormai. Gould appartiene al fronte tatuato prima […]

Continua a leggere "Il rinascimento dell’indipendenza"

Oltre l’uomo di passaggio

A un certo punto ho sentito parlare di Ben Lerner da talmente tante persone che non potevo più permettermi di ignorarlo e mi sono procurato il suo secondo romanzo, 10:04 — uscirà nella sua traduzione italiana nel 2015, per Sellerio. Non ho capito subito di cosa si trattasse, ma non riuscivo a fare a meno […]

Continua a leggere "Oltre l’uomo di passaggio"