In America si mangia male

Ci sono misteri sui quali è meglio non indagare. Uno di questi è il delicato equilibrio tra disgusto e fascinazione che gli italiani riservano al cibo da catena. Disgusto quando si tratta di consumarlo in Patria, dove resiste l’orgogliosa bandiera di una delle migliori cucine del mondo e sicuramente la più ricca. Fascinazione all’estero, dove, […]

Continua a leggere "In America si mangia male"

Il re dell’indie

Il minaccioso fiume di taxi che intasa le strade, da Nord a Sud e viceversa. L’innata scortesia dei suoi abitanti. Il fumo che sale dai tombini. I bagel, il cheesecake, gli hot dog, il pastrami e la pizza unta. I predicatori solitari, gli ebrei Haredim e Hassidim, gli Hare Krishna e tutti i pazzi che […]

Continua a leggere "Il re dell’indie"

L’ultimo editore romantico

Ventidue premi Pulitzer, tra i quali: John Berryman, Bernard Malamud, Michael Cunningham, John McPhee, Jeffrey Eugenides e Marilynne Robinson. Venticinque premi Nobel, tra i quali: Knut Hamsun, T.S. Elliot, Isaac Bashevis Singer e William Golding. Ventitré National Book Award , tra i quali: Jonathan Franzen, Tom Wolfe e Robert Lowell. Sono le placche e i […]

Continua a leggere "L’ultimo editore romantico"

Democrazia della marijuana

Il nome sulla rubrica dell’iPhone di Elaine è Guy. Come “tizio” o come nome proprio abbastanza generico da non attirare l’attenzione scorrendo verso il basso. Risponde sempre nello stesso modo: «Come va?», e fa molta attenzione a non ripetere l’indirizzo. Di solito taglia corto, dice: «Posso essere lì in un quarto d’ora, venti minuti, mezz’ora […]

Continua a leggere "Democrazia della marijuana"

Neri come noi

Alcuni fatti realmente accaduti: il dottor Albert Johnston si è laureato all’Università di Chicago nella metà degli anni Venti e ha trovato lavoro immediatamente come radiologo in un piccolo ospedale del New Hampshire. Dopo quasi vent’anni di professione e di partecipazione alla vita sociale come membro rispettato della comunità, assieme a sua moglie e ai […]

Continua a leggere "Neri come noi"