Il re dell’indie

Il minaccioso fiume di taxi che intasa le strade, da Nord a Sud e viceversa. L’innata scortesia dei suoi abitanti. Il fumo che sale dai tombini. I bagel, il cheesecake, gli hot dog, il pastrami e la pizza unta. I predicatori solitari, gli ebrei Haredim e Hassidim, gli Hare Krishna e tutti i pazzi che […]

Continua a leggere "Il re dell’indie"

Avere trent’anni

Questa condizione dei trent’anni non è ancora del tutto chiara. Né per me, che li ho da relativamente poco, né per i trentenni in generale. E se c’è qualcosa di meno chiaro che avere trent’anni oggi, con i nostri lavori precari, le nostre speranze spesso mal riposte e le nostre classi medie che una volta […]

Continua a leggere "Avere trent’anni"

Questo grande, immenso vuoto

Mentre il mondo si occupa di tutt’altro, mentre l’ebola piega l’opinione pubblica con la pressione del dubbio, mentre in Medio Oriente l’instabilità è l’unica certezza rimasta, mentre Obama combatte i suoi demoni di fine mandato, a Williamsburg il vento continua a tirare nella stessa direzione. Di traverso. Per scompigliare i capelli e far volare gli […]

Continua a leggere "Questo grande, immenso vuoto"

Fragilità di un gigante

La verità? È da qualche mese che ho intenzione di scrivere un profilo di Philip Seymour Hoffman, dettato dall’amore incondizionato che nutro per la sua recitazione e per quello che pensavo fosse come persona – che in parte hanno confermato i fatti delle ultime ore, e in parte sto ancora elaborando. Volevo scrivere un profilo […]

Continua a leggere "Fragilità di un gigante"